Il giornalismo oggi, una lezione che vale per tutti

Una brutta pagina di giornalismo. Non ci sono altri termini per definire quanto accaduto ieri e oggi su alcuni organi di informazione e social network.
Alcune testate giornalistiche hanno riportato la notizia della scomparsa di un illustre docente, molto conosciuto e stimato, anche iscritto all’albo dei giornalisti. La notizia non è vera ed è totalmente priva di fondamento.
Quanto accaduto ha giustamente turbato la famiglia, ma anche i numerosissimi amici e conoscenti.
In pochissimo tempo la clamorosa bufala è rimbalzata, come un primordiale tam tam, sui social network ed è stata ripresa anche dagli organi di informazione, procurando sconcerto e incredulità in quanti ben conoscono l’illustre collega.
Molti si sono scusati pubblicamente con la famiglia per l’errata notizia diffusa e riportata, figlia di una fretta che non può giustificare episodi così gravi.
È giunto il tempo di un mea culpa perché errori del genere non abbiano più a ripetersi: abbiamo assistito a un corto circuito dell’informazione. Chi esercita la professione di giornalista ha il dovere morale, professionale e deontologico di raccontare la verità e di verificare le fonti in maniera accurata.
Quanto avvenuto in questi giorni, con la falsa notizia riportata, deve suonare come un severo monito per l’intera categoria che, suo malgrado, è stata protagonista di una brutta pagina di giornalismo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...