Premio Giornalistico “Castellano”, appuntamento lunedì 27 ottobre ore 16

10733750_703235596432948_8364908315712165155_o

Si terrà lunedì 27 ottobre 2014 alle ore 16, presso la prestigiosa sede di Villa Calvanese di Castel San Giorgio, la IV edizione del Premio giornalistico “Mimmo Castellano”.
La Quarta Edizione del Premio è stata insignita della medaglia di rappresentanza del Presidente della Repubblica.
La manifestazione – organizzata dall’Associazione della Stampa Campania Valle del Sarno, con il patrocinio del Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Giornalisti, del Consiglio dell’Ordine dei Giornalisti della Campania, del Movimento Unitario Giornalisti, del Comune di Castel San Giorgio e della Provincia di Salerno – intende onorare la memoria di Mimmo Castellano, già vicepresidente dell’Ordine dei Giornalisti della Campania e segretario generale aggiunto della Federazione Nazionale della Stampa Italiana.
Castellano per molti anni ha rappresentato in modo esemplare la categoria dei giornalisti e ha costituito – metaforicamente parlando – una luce sempre accesa per tutti coloro che avevano intrapreso la difficile carriera nell’ambito dell’informazione. Egli è stato, fino all’ultimo momento della sua vita, paladino di mille battaglie sindacali, vinte proprio grazie all’impegno e alla tenacia con le quali ha sempre affrontato i problemi della categoria.
Mimmo Castellano è scomparso il 16 giugno del 2008 a Castellammare di Stabia e l’Assostampa Campania Valle del Sarno, fin dalla sua costituzione, si è proposta di onorarne la memoria con un premio giornalistico, arrivato quest’anno alla quarta edizione.

Il premio sarà assegnato ad alcuni prestigiosi colleghi che nel corso della loro carriera si sono particolarmente distinti in campo nazionale. Non sono stati trascurati, però, nell’ottica di una più ampia visione di un lavoro difficile e spesso poco gratificante, colleghi che hanno operato ed operano nel difficile campo dell’informazione locale, vera palestra di frontiera, e che si sono distinti nell’arte della verità e del buon giornalismo, nonostante gli ambienti spesso difficili in cui si trovano ad operare.

I premiati di quest’edizione:

Premio alla carriera:, Paolo Di Mizio, volto storico di Tg 5, ideatore della Rassegna Stampa; Valentina Santarpia, collaboratrice de “Il Corriere della Sera”; Antonio Sasso, direttore editoriale dell’antico quotidiano “Roma” fondato nel 1862; Massimiliano Amato, giornalista-scrittore; Maurizio D’Elia, caporedattore del quotidiano “La Città”; Carmine Pecoraro, già capo redattore de “Il Salernitano”; Paolo Russo, responsabile della redazione salernitana de “Il Mattino”.

Premio giovane giornalista: Mino Pepe, giornalista pubblicista, responsabile del canale televisivo “Telenuova 2”.

Premio particolare: Carlo Alvino, telecronista di Sky; Francesco Fasolino, giornalista pubblicista, saggista ed uomo di grande cultura umanistica; Ezio Ercole, giornalista pubblicista, uomo di punta nel sindacalismo di categoria.

Premio speciale: Franco Di Mare, conduttore di UnoMattina su Rai1, già inviato speciale per la Rai in occasione di conflitti internazionali negli ultimi 20 anni.

Presenzieranno alla manifestazione: il presidente del Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti, Enzo Iacopino; il presidente del Consiglio dell’Ordine dei giornalisti della Campania, Ottavio Lucarelli, il presidente del Movimento Unitario dei Giornalisti, Mimmo Falco, S.E. l’arcivescovo di Salerno-Campagna-Acerno Luigi Moretti e il sottosegretario di Stato alla Giustizia, Cosimo Maria Ferri.

Durante la serata sono previsti intermezzi musicali del complesso Gipsy Quartet composto da Marzia De Nardo, Selene Cantarella, Shaay Mucciolo e Serena Giordano.

Castel San Giorgio, 24/10/2014
IL PRESIDENTE
(Salvatore Campitiello)

L’Assostampa alla presentazione del Movimento Unitario Giornalisti

Foto 1

 

L’Assostampa Campania Valle del Sarno aderisce al Movimento Unitario Giornalisti, nuovo soggetto sindacale presentato ieri mattina a Napoli.
Il Movimento si propone come punto di aggregazione tra le realtà territoriali già esistenti e ha, tra l’altro, l’obiettivo di mettere a disposizione della categoria una serie di servizi a (assistenza legale, fiscale, convenzioni con assicurazioni, medici, palestre…).
La presentazione del Movimento Unitario Giornalisti è avvenutasi ieri mattina a Napoli, presso la sede dell’Ascom in Piazza Carità. All’iniziativa hanno partecipato oltre 500 giornalisti provenienti dalla Campania e dal resto d’Italia.
I relatori hanno sottolineato l’importanza di un organismo che deve saper rivendicare le esigenze dei giornalisti, troppo spesso dimenticate dalla Fnsi, sindacato che – di fatto – oggi non ha rappresentanza nella regione Campania.
Sono intervenuti tra gli altri il presidente e il Segretario dell’Ordine nazionale dei Giornalisti, Enzo Iacopino e Paolo Pirovano; Mimmo Falco, Presidente del Movimento Unitario Giornalisti; Ciro Pellegrino del Coordinamento precari della Campania; Gino Falleri, vicepresidente dell’Odg del Lazio; il presidente dell’Odg della Campania Ottavio Lucarelli; i consiglieri nazionali dell’Odg Campitiello, Ciotola, Conte, De Luca, Ferraro, Musto, Riccio, Sansoni, Savoia, Stravino; i rappresentanti delle associazioni territoriali campane che hanno aderito al movimento e una delegazione di colleghi del Lazio, della Lombardia e del Piemonte.
Il presidente dell’Assostampa Valle del Sarno, Salvatore Campitiello, nel suo intervento, ha rimarcato la voglia di cambiamento e la volontà del Movimento e dei suoi componenti di dare una svolta all’attuale situazione. Campitiello ha parlato di “una ristrutturazione necessaria dalle fondamenta, in un momento storico in cui le umiliazioni per i giornalisti precari sono tante e in cui editori senza scrupoli hanno deciso di calpestare la nostra dignità”.
“Nell’annunciare che l’Assostampa Valle del Sarno affiancherà il Movimento Unitario dei Giornalisti per imprimere ancora più forza sindacale alla categoria e dire con forza basta a soprusi e umiliazioni – ha concluso Salvatore Campitiello – chiediamo con fermezza rispetto come persone che devono non solo vivere con dignità ma che hanno anche il compito di garantire una informazione di qualità”.
A questo link il video del discorso del Presidente ieri a Napoli

San Francesco di Sales, quarto compleanno per l’Assostampa

Pubblichiamo di seguito due immagini della manifestazione del 24 gennaio. In occasione della festività di San Francesco di Sales presso la Parrocchia di San Giovanni Battista a Nocera Inferiore si è svolto un convegno dal titolo “Immigrati digitali e nativi digitali. Identità e relazioni tecnoliquide”. Ha relazionato sul tema il prof. Tonino Cantelmi, psicoterapeuta. L’Ufficio Comunicazioni Sociali della Diocesi di Nocera Sarno ha organizzato l’evento con la collaborazione dell’Assostampa, della rivista diocesana “Insieme” e con l’Anspi.

_IGP6612_IGP6603

“No allo sfruttamento”, a Scala convegno sull’equo compenso

Di Munzio, Califano, Giulietti, Campitiello e Della Corte

Essere giornalisti oggi, e mettere i giovani in condizione di poter sognare di diventarlo in futuro.
È questo uno dei motivi che ha spinto l’Associazione Giornalisti Campania Valle del Sarno e l’Associazione Giornalisti Cava/Costa d’Amalfi “Lucio Barone” a unire le forze per organizzare un momento di riflessione sull’equo compenso.
Beppe Giulietti – tra i promotori della legge, giornalista, parlamentare e uno dei fondatori dell’associazione “Articolo21” – ha discusso a lungo sul tema con i giornalisti presenti.
L’incontro – moderato dai giornalisti Piero Califano e Imma Della Corte – si è tenuto nella giornata di ieri presso l’Auditorium Ferrigno di Scala, sede della Fondazione Meridies. La serata è stata anche l’occasione per fare il punto della situazione, per discutere della legge, della sua approvazione e del lavoro che, congiuntamente, stanno svolgendo Ordine e Fnsi affinché diventi operativa.
L’intervento di Giulietti è stato incentrato sull’iter della legge sull’equo compenso, sugli obiettivi che si pone di raggiungere e sulla situazione di precariato che oramai da tempo affligge la categoria.
Al termine dell’appassionato e appassionante intervento di Giulietti, la parola è passata a: Salvatore Campitiello e Walter Di Munzio – rispettivamente presidenti dell’Assostampa Valle del Sarno e dell’Associazione Giornalisti Cava-Costa d’Amalfi; al rettore dell’Università di Cassino, Ciro Attaianese, presidente della Fondazione Meridies che ha ospitato l’incontro; Carlo Verna, giornalista Rai e consigliere nazionale dell’Ordine dei giornalisti; Claudio Ciotola, componente del comitato esecutivo dell’Ordine dei giornalisti; e Ivana Bottone, vicesindaco di Scala in rappresentanza dell’amministrazione comunale.
«Il giornalista ha diritti e doveri – ha ricordato Salvatore Campitiello, presidente dell’Assostampa Valle del Sarno e consigliere nazionale dell’Ordine dei giornalisti, nel corso del suo intervento – Chi opera nel mondo dell’informazione deve garantire il rispetto della deontologia professionale, delle leggi collegate al mondo dell’informazione e della Costituzione. Il diritto dei giornalisti è quello di ottenere un equo compenso; ma si tratta di un diritto che purtroppo non sempre viene rispettato. C’è, dunque, un forte sbilanciamento tra diritti e doveri che va equilibrato. La Carta di Firenze e la legge sull’equo compenso sono gli strumenti utili per ottenere il riconoscimento dei diritti dei giornalisti. La legge è in vigore dalla metà dello scorso mese di gennaio e ha bisogno ancora di un po’ di tempo per l’applicazione: la commissione che dovrà determinare matematicamente l’equo compenso è in fase conclusiva. La riottosità, purtroppo, viene dagli editori. Ma dobbiamo dire – ha detto, in conclusione Campitiello – che ci sono anche delle note positive: fra queste la Carta di Firenze, che rappresenta le regole deontologiche che le redazioni devono rispettare; e il fatto che alcune regioni d’Italia abbiano deciso di favorire, nelle rispettive leggi per i contributi all’editoria, quelle testate che rispettano la legge sull’equo compenso». Per tutti i giornalisti che vogliono denunciare situazioni che violano i principi della legge e della Carta di Firenze, l’Ordine nazionale dei giornalisti ha istituito una casella di posta elettronica a cui è possibile inviare segnalazioni anche in forma anonima. La mail è: noallosfruttamento@odg.it .

Giornalismo e giornalismi, come cambia la professione del pubblicista

DSCN9540“Giornalismo e giornalismi, come cambia la professione del pubblicista” è il titolo del Convegno promosso dall’Ordine nazionale dei giornalisti che si è svolto sabato 6 aprile 2013 a Roma, presso il Centro Congressi Cavour.
Ha aperto i lavori il vice presidente dell’Ordine nazionale dei giornalisti Enrico Paissan.
Il consigliere Vito Scisci (diapositive) ha illustrato i dati aggiornati all’ultimo triennio della ricerca presentata nel marzo 2010 sulla composizione dei giornalisti pubblicisti.
Sono, poi, intervenuti Ezio Ercole, coordinatore dei vice presidenti degli Ordini regionali e Gino Falleri, vice presidente dell’Ordine regionale del Lazio.
Hanno svolto interventi programmati i consiglieri Silvano Bertossi, Salvatore Campitiello e Roberto Zalambani.
Prima della conclusione dei lavori hanno preso la parola il segretario Giancarlo Ghirra e, tra gli altri, i consiglieri Lorenzo Del Boca, Barbara Reverberi, Gabriele Cappato.
Al termine, dopo il dibattito, le conclusioni del presidente nazionale dei giornalisti Enzo Iacopino.

(fonte: odg.it)

Premio Castellano, ieri sera la premiazione

Oltre trecento persone, tra autorità e giornalisti, hanno presenziato alla seconda edizione del premio giornalistico “Mimmo Castellano”, che si è svolta ieri sera presso i saloni del Circolo Unione di Pagani. La manifestazione, organizzata dall’Assostampa Campania della Valle del Sarno, con il patrocinio dell’Ordine dei giornalisti della Campania e della Provincia di Salerno, ha inteso onorare la memoria di Mimmo Castellano, già vicepresidente dell’Ordine dei giornalisti della Campania e segretario generale aggiunto della Federazione Nazionale della Stampa Italiana.
Castellano, che era nato a Napoli il 4 agosto del 1935, è scomparso il 16 giugno del 2008 a Castellammare di Stabia. Egli ha rappresentato una figura esemplare nel campo dell’informazione ed è stato fautore di numerose battaglie sindacali, vinte proprio grazie al suo impegno e alla tenacia con cui affrontava i problemi della categoria. Fra le battaglie sindacali condotte e portate a compimento vi è la Legge 150/2000.
“Per la seconda edizione del Premio abbiamo inteso assegnare riconoscimenti ad alcuni colleghi della Valle del Sarno che operano fuori dal territorio di appartenenza, costituendo motivo di vanto per la nostra terra – ha spiegato il presidente dell’Assostampa Salvatore Campitiello – Ci auguriamo, nel futuro, di poter premiare tanti colleghi meritevoli”.
Questi i premiati: Premio alla carriera: Rino Cesarano, inviato speciale de “Il Corriere dello Sport”; Alfonso Desiderio, redattore del gruppo “Espresso”; Fabrizio Failla, inviato speciale- telecronista “RaiSport”; Lucia Trotta, vice caposervizio redazione politica “SkyTg 24”. Premio giovane: Giuseppe De Caro, redattore “RAI Valle d’Aosta” Premi particolari: Lucia de Cristofaro, direttore del mensile “Albatros”; Michela
Associazione Giornalisti Campania Valle del Sarno Via Nicola Bruni Grimaldi, 95 – Galleria Gargano c/o Kaidos Comunicazione 84014 Nocera Inferiore (SA) http://www.assostampavallesarno.wordpress.com
assostampavallesarno@libero.it – assostampavallesarno@gmail.com
Assostampa Campania Valle del Sarno
riconosciuta dalla Federazione Nazionale della Stampa Italiana
Giordano, autrice del libro “Quando rimasero soli”. Premio speciale: Raffaello Magi, magistrato e giornalista, autore di molte pubblicazioni su temi processuali penalistici e ordinamenti. Alla serata – presentata dalla collega Mariapaola Iovino – hanno presenziato: il presidente del Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti, Enzo Iacopino, e quello regionale della Campania, Ottavio Lucarelli; il vicepresidente dell’Odg Campania, Mimmo Falco, componente della giunta esecutiva della F.N.S.I.; il segretario dell’Odg Campania Gianfranco Coppola, vice presidente nazionale dell’U.S.S.I.; il presidente dell’Assostampa della Campania, Enzo Colimoro. Presenti anche diversi consiglieri nazionali dell’Ordine e del sindacato nazionale e regionale. Con grande commozione, non hanno fatto mancare la loro presenza alla manifestazione anche i familiari di Mimmo Castellano: la moglie Gabriella Punzo con i figli Patrizia e Anna, la sorella di Mimmo, Rosanna Castellano e diversi nipoti. La serata – allietata dagli intermezzi musicali del maestro Ivan Antonio e del mezzosoprano Giusy Luana Lombardi – si è chiusa con il ricordo di Mimmo Castellano da parte suo nipote Claudio Dapice e del presidente nazionale dell’Ordine dei giornalisti, Enzo Iacopino.

Seconda edizione del Premio Giornalistico “Mimmo Castellano”

Mimmo Castellano

Si terrà lunedì 29 ottobre 2012 alle ore 18, presso il Circolo Unione di Pagani la seconda edizione del Premio giornalistico “Mimmo Castellano”. La manifestazione, organizzata dall’Associazione della Stampa Campania Valle del Sarno, con il patrocinio dell’Ordine dei giornalisti della Campania e della Provincia di Salerno, intende onorare la memoria di Mimmo Castellano, già vicepresidente dell’Ordine dei giornalisti della Campania e segretario generale aggiunto della Federazione Nazionale della Stampa Italiana.
Egli ha rappresentato una figura esemplare nel campo dell’informazione ed è stato fautore di numerose battaglie sindacali, vinte proprio grazie al suo impegno e alla tenacia con cui affrontava i problemi della categoria. Era nato a Napoli il 4 agosto del 1935; è scomparso il 16 giugno del 2008 a Castellammare di Stabia.
Il premio sarà assegnato ad alcuni colleghi della Valle del Sarno che nel corso della loro carriera si sono particolarmente distinti nel campo dell’informazione locale e nazionale. L’intento dell’Assostampa è quello di mettere in luce il lavoro spesso oscuro e anche poco gratificante di tanti operatori dell’informazione locale, i quali, trovandosi a operare in contesti e ambienti particolarmente difficili, riescono a essere palestre di frontiera per affermare l’arte della verità e del buon giornalismo.
I premiati
Premio alla carriera:
– Rino Cesarano inviato speciale de “Il Corriere dello Sport”, – Alfonso Desiderio redattore del gruppo “Espresso”, – Fabrizio Failla inviato speciale-telecronista“RaiSport”, – Lucia Trotta vice caposervizio redazione politica “SkyTg 24”.
Premio ad un giovane giornalista
– Giuseppe De Caro redattore “TGRai Valle d’Aosta”.
Premio particolare
– Lucia de Cristofaro direttore del mensile “Albatros” – Michela Giordano autrice del libro “Quando rimasero soli”.
Premio speciale:
– Raffaello Magi, magistrato-giornalista, autore di molte pubblicazioni su temi processuali penalistici e ordinamentali.
Durante la serata sono previsti intermezzi musicali del maestro Giulio Marazia e del mezzosoprano Giusy Luana Lombardi. Presenzieranno: il presidente del Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti, Enzo Iacopino, quello della Campania, Ottavio Lucarelli, il presidente dell’Assostampa della Campania, Enzo Colimoro e il componente dell’esecutivo nazionale della Federazione Nazionale della Stampa Nazionale, Mimmo Falco.
Parteciperanno alla manifestazione diversi consiglieri regionali e nazionali dell’Ordine e del Federazione della Stampa Italiana, nonché, Carlo Verna segretario nazionale dell’Usigrai, e Gianfranco Coppola, vice segretario nazionale dell’Unione stampa sportiva italiana.

“Suntime”, i giornalisti dell’anno

Grande festa dei giornalisti in erba della Scuola Media “Solimena-De Lorenzo” di Nocera Inferiore.
Ad essere festeggiati sono stati gli allevi risultati vincitori al Premio Nazionale “FARE IL GIORNALE NELLE SCUOLE”, organizzato dall’Ordine Nazionale dei Giornalisti. La redazione di Suntime era stata in precedenza premiati anche a Chianciano Terme, primo premio “Giornalista dell’anno” nell’ambito della rassegna organizzata da Alboscuole.

La  manifestazione  di fine anno è stata patrocinata dall’Assostampa Campania Valle del Sarno e si è svolta nell’Aula Magna del plesso scolastico di Nocera Inferiore. Presenti, in un’aula gremita di alunni, parenti e personale docente, il preside Giuseppe Pannullo, dell’insegnante-giornalista Annamaria Bove, ideatrice e realizzatrice del giornale “SUNTIME”.

A premiare gli allievi, sono stati: Mimmo Falco, vicepresidente dell’Ordine dei giornalisti della Campania, i consiglieri nazionale dell’Ordine dei giornalisti Annamaria Riccio e Armando De Rosa, il consigliere della Federazione della Stampa Italiana Elia Fiorillo, il presidente dell’Assostampa Campania Valle del Sarno Salvatore Campitiello e la segretaria dell’Assostampa Campania Valle Sarno Barbara Ruggiero.
Presenti alla premiazione il consigliere dell’Assostampa Campania Valle del Sarno Luigi Di Mauro, e i giornalisti Patrizia Sereno e Gianluca Santangelo.