Strage di Parigi, il cordoglio dell’Associazione dei Giornalisti Campania Valle del Sarno

L’Associazione dei giornalisti Campania Valle del Sarno esprime piena solidarietà ai colleghi francesi e alle loro famiglie vittime di un proditorio attentato terroristico.
Il raid effettuato contro la redazione parigina di Charlie Hebdo, settimanale satirico, ha profonde radici terroristiche ed è stato compiuto con lo scopo preciso di cancellare le voci di espressioni e di libertà.
È solo illusorio che quanto avvenuto a Parigi possa influenzare o condizionare il libero pensiero di critica e di opinione, bene supremo di ogni popolo autenticamente democratico.

Premio Giornalistico “Castellano”, appuntamento lunedì 27 ottobre ore 16

10733750_703235596432948_8364908315712165155_o

Si terrà lunedì 27 ottobre 2014 alle ore 16, presso la prestigiosa sede di Villa Calvanese di Castel San Giorgio, la IV edizione del Premio giornalistico “Mimmo Castellano”.
La Quarta Edizione del Premio è stata insignita della medaglia di rappresentanza del Presidente della Repubblica.
La manifestazione – organizzata dall’Associazione della Stampa Campania Valle del Sarno, con il patrocinio del Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Giornalisti, del Consiglio dell’Ordine dei Giornalisti della Campania, del Movimento Unitario Giornalisti, del Comune di Castel San Giorgio e della Provincia di Salerno – intende onorare la memoria di Mimmo Castellano, già vicepresidente dell’Ordine dei Giornalisti della Campania e segretario generale aggiunto della Federazione Nazionale della Stampa Italiana.
Castellano per molti anni ha rappresentato in modo esemplare la categoria dei giornalisti e ha costituito – metaforicamente parlando – una luce sempre accesa per tutti coloro che avevano intrapreso la difficile carriera nell’ambito dell’informazione. Egli è stato, fino all’ultimo momento della sua vita, paladino di mille battaglie sindacali, vinte proprio grazie all’impegno e alla tenacia con le quali ha sempre affrontato i problemi della categoria.
Mimmo Castellano è scomparso il 16 giugno del 2008 a Castellammare di Stabia e l’Assostampa Campania Valle del Sarno, fin dalla sua costituzione, si è proposta di onorarne la memoria con un premio giornalistico, arrivato quest’anno alla quarta edizione.

Il premio sarà assegnato ad alcuni prestigiosi colleghi che nel corso della loro carriera si sono particolarmente distinti in campo nazionale. Non sono stati trascurati, però, nell’ottica di una più ampia visione di un lavoro difficile e spesso poco gratificante, colleghi che hanno operato ed operano nel difficile campo dell’informazione locale, vera palestra di frontiera, e che si sono distinti nell’arte della verità e del buon giornalismo, nonostante gli ambienti spesso difficili in cui si trovano ad operare.

I premiati di quest’edizione:

Premio alla carriera:, Paolo Di Mizio, volto storico di Tg 5, ideatore della Rassegna Stampa; Valentina Santarpia, collaboratrice de “Il Corriere della Sera”; Antonio Sasso, direttore editoriale dell’antico quotidiano “Roma” fondato nel 1862; Massimiliano Amato, giornalista-scrittore; Maurizio D’Elia, caporedattore del quotidiano “La Città”; Carmine Pecoraro, già capo redattore de “Il Salernitano”; Paolo Russo, responsabile della redazione salernitana de “Il Mattino”.

Premio giovane giornalista: Mino Pepe, giornalista pubblicista, responsabile del canale televisivo “Telenuova 2”.

Premio particolare: Carlo Alvino, telecronista di Sky; Francesco Fasolino, giornalista pubblicista, saggista ed uomo di grande cultura umanistica; Ezio Ercole, giornalista pubblicista, uomo di punta nel sindacalismo di categoria.

Premio speciale: Franco Di Mare, conduttore di UnoMattina su Rai1, già inviato speciale per la Rai in occasione di conflitti internazionali negli ultimi 20 anni.

Presenzieranno alla manifestazione: il presidente del Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti, Enzo Iacopino; il presidente del Consiglio dell’Ordine dei giornalisti della Campania, Ottavio Lucarelli, il presidente del Movimento Unitario dei Giornalisti, Mimmo Falco, S.E. l’arcivescovo di Salerno-Campagna-Acerno Luigi Moretti e il sottosegretario di Stato alla Giustizia, Cosimo Maria Ferri.

Durante la serata sono previsti intermezzi musicali del complesso Gipsy Quartet composto da Marzia De Nardo, Selene Cantarella, Shaay Mucciolo e Serena Giordano.

Castel San Giorgio, 24/10/2014
IL PRESIDENTE
(Salvatore Campitiello)

Visita oculistica gratuita

Facendo seguito agli accordi tra l’Assostampa Campania Valle del Sarno, il Movimento Unitario Giornalisti e l’Unione Italiana Ciechi (sezione della provincia di Salerno), e in attesa dell’ufficializzazione della stipula di una convenzione per altri servizi, vi informiamo che è disponibile uno screening oculistico gratuito.
Potranno usufruire della visita gratuita i soci dell’Assostampa Campania Valle del Sarno e i colleghi del Movimento Unitario Giornalisti.
L’appuntamento è per martedì 21 ottobre dalle ore 16.30 alle 18.30 nel plesso scolastico di Castelluccio, frazione del comune di Castel San Giorgio (SA).
L’iniziativa dell’Unione Italiana Ciechi – nell’ambito della “Campagna di Prevenzione della cecità” – nella mattinata di lunedì 20 e martedì 21 ottobre, coinvolgerà anche i bambini delle scuole di Castel San Giorgio.

A tutela della categoria, l’azione del Movimento Unitario Giornalisti

di Maria Rosaria Vitiello (da nonsolodonna.blogautore.repubblica.it)
Salvatore Campitiello e Mimmo Falco

Salvatore Campitiello e Mimmo Falco

Il giornalismo cambia forma e alimenta la crisi dei quotidiani. Una condizione che tende ad incupire progressivamente lo scenario già opaco, quello osservato e vissuto dai giornalisti del settore, acuendone le difficoltà via via più pressanti. Quale futuro si prospetta per la categoria? Occorrono nuovi strumenti di tutela a sostegno della professione.
Ne parlo con Mimmo Falco, presidente del Movimento Unitario Giornalisti, a cui chiedo quali siano i principi ispiratori e le finalità del nuovo soggetto sindacale presentato a fine luglio a Napoli.
“Il Movimento Unitario Giornalisti punta a sostenere le attività professionali e a rivendicare le esigenze dei giornalisti troppo spesso dimenticate dalla Fnsi, sindacato che oggi, di fatto, non ha rappresentanza nella regione Campania – mi risponde senza esitazione Falco, per poi proseguire – E’ uno strumento che si propone come punto di aggregazione tra le realtà territoriali già esistenti ed ha come obiettivo di svolgere attività a tutela dei colleghi e di offrire alla categoria una serie di servizi”.
Falco traccia lucidamente le criticità che gravano sul lavoro dei giornalisti.
“La situazione in cui si trova oggi la nostra professione ci impone una riflessione approfondita sul cosa fare e come riorganizzare la categoria. Si dovranno affrontare temi e problemi che riguardano la disoccupazione e il precariato, in special modo alla luce delle novità riguardanti l’equo compenso”.
Quali sono gli aspetti della professione su cui il Mug intende concentrare la propria attenzione, per mettere in campo servizi rivolti alla categoria dei giornalisti?
“Come abbiamo sottolineato in occasione della presentazione delle attività programmatiche dell’associazione, noi del Mug ci proponiamo di offrire agli iscritti ed al loro nucleo familiare una serie di agevolazioni che spaziano dal campo delle assicurazioni a quello dei rapporti con gli istituti di credito, all’assistenza fiscale, all’assistenza legale penale, civile ed amministrativa gratuita. Predisporremo, inoltre, un sito internet per dare le dovute informazioni agli iscritti e tenerli sempre aggiornati. La nostra sede è in via Speranzella, 81, Napoli. Per info: 0814107138 email giornalisticampania@gmail.com”.
Gli fa eco il presidente dell’Assostampa Valle del Sarno, Salvatore Campitiello, che io incalzo con le mie domande e che sottolinea la necessità – in una fase così difficile – di contribuire insieme al cambiamento, mettendo al contempo in luce la determinazione del Movimento Unitario Giornalisti e dei suoi componenti a dare una svolta all’attuale situazione della categoria.
“C’è bisogno di una ristrutturazione dalle fondamenta – sottolinea Campitiello -, in un momento storico in cui le umiliazioni per i giornalisti precari sono tante e in cui editori senza scrupoli hanno deciso di calpestare la nostra dignità. Ecco perché l’Assostampa Valle del Sarno affianca il Movimento Unitario Giornalisti: per imprimere ancora più forza sindacale alla categoria e dire con forza ‘basta’ a soprusi e umiliazioni. Chiediamo con fermezza il rispetto come persone che devono non solo vivere con dignità ma che hanno anche il compito di garantire un’informazione di qualità”.

L’Assostampa informa

COMUNICAZIONI IMPORTANTI

FORMAZIONE GIORNALISTI, TOLTO L’OBBLIGO DELLA PEC PER IL CORSO ON LINE DI DEONTOLOGIA
Tolto l’obbligo della Pec per il corso nazionale di deontologia on line. Il vincolo della Posta Elettronica Certificata era stato inserito inizialmente per fare in modo che i giornalisti si adeguassero alla normativa che vuole che tutti gli iscritti all’albo dispongano di un indirizzo di posta certificata. Successivamente, l’Ordine Nazionale dei Giornalisti ha inteso togliere anche questo piccolo impedimento che avrebbe potuto rappresentare un ostacolo per chi voleva seguire il corso ma non era dotato di Pec.
Per maggiori informazioni: http://www.adginforma.it/prima-pagina-mainmenu-14/giornalismo- mainmenu-47/4659-formazione-giornalisti-tolto-lobbligo-della-pec-per-il-corso-online-di- deontologia.html

ODG CAMPANIA, PEC GRATUITA PER GLI ISCRITTI
Grazie a un accordo con la società Webloom, l’Ordine dei Giornalisti della Campania offre da oggi a tutti i suoi iscritti, gratis per dodici mesi, il servizio di Posta elettronica certificata. Per ottenere la Pec bisogna collegarsi al sito http://www.webloom.it, indicare numero di tesserino e codice fiscale seguendo le istruzioni. Per informazioni o assistenza Webloom è a disposizione via mail (segreteria@webloom.it) o al numero 06-78851272. Ricordiamo che la Pec, utilizzabile anche a fini personali, è obbligatoria per legge per tutti gli iscritti agli Ordini professionali. La casella di posta elettronica ha valore di raccomandata tradizionale. Al termine del primo anno ogni giornalista potrà decidere liberamente di rinnovare per altri dodici mesi il servizio al costo di 2,50 euro + Iva.

L’ASSOSTAMPA VALLE DEL SARNO ADERISCE AL MOVIMENTO UNITARIO GIORNALISTI
La nostra Assostampa aderisce al Movimento Unitario Giornalisti, nuovo soggetto sindacale presentato a Napoli lo scorso 24 luglio. Il Movimento si propone come punto di aggregazione tra le realtà territoriali già esistenti e ha, tra l’altro, l’obiettivo di mettere a disposizione della categoria una serie di servizi (assistenza legale, fiscale, convenzioni con assicurazioni, medici, palestre…).
Il presidente dell’Assostampa, Salvatore Campitiello, nel suo intervento, davanti ad una folta platea di colleghi, ha parlato, tra le altre cose, di “una ristrutturazione necessaria dalle fondamenta, in un momento storico in cui le umiliazioni per i giornalisti precari sono tante e in cui editori senza scrupoli hanno deciso di calpestare la nostra dignità”.
Per maggiori dettagli, clicca qui

ODG CAMPANIA, CHIUSURA UFFICI
Gli uffici dell’Ordine della Campania saranno chiusi per ferie dal 6 al 29 agosto 2014.

PROSSIMI CORSI DI FORMAZIONE GIORNALISTI PRESSO VILLA CALVANESE
I prossimi Corsi di Formazione Professionale per Giornalisti che si terranno presso la sede dell’Assostampa Campania Valle del Sarno sita in Villa Calvanese di Castel San Giorgio (SA), sono stati programmati per lunedì 27 ottobre ore 16,30 e sabato 15 novembre 2014 ore 9,00.


L’Assostampa alla presentazione del Movimento Unitario Giornalisti

Foto 1

 

L’Assostampa Campania Valle del Sarno aderisce al Movimento Unitario Giornalisti, nuovo soggetto sindacale presentato ieri mattina a Napoli.
Il Movimento si propone come punto di aggregazione tra le realtà territoriali già esistenti e ha, tra l’altro, l’obiettivo di mettere a disposizione della categoria una serie di servizi a (assistenza legale, fiscale, convenzioni con assicurazioni, medici, palestre…).
La presentazione del Movimento Unitario Giornalisti è avvenutasi ieri mattina a Napoli, presso la sede dell’Ascom in Piazza Carità. All’iniziativa hanno partecipato oltre 500 giornalisti provenienti dalla Campania e dal resto d’Italia.
I relatori hanno sottolineato l’importanza di un organismo che deve saper rivendicare le esigenze dei giornalisti, troppo spesso dimenticate dalla Fnsi, sindacato che – di fatto – oggi non ha rappresentanza nella regione Campania.
Sono intervenuti tra gli altri il presidente e il Segretario dell’Ordine nazionale dei Giornalisti, Enzo Iacopino e Paolo Pirovano; Mimmo Falco, Presidente del Movimento Unitario Giornalisti; Ciro Pellegrino del Coordinamento precari della Campania; Gino Falleri, vicepresidente dell’Odg del Lazio; il presidente dell’Odg della Campania Ottavio Lucarelli; i consiglieri nazionali dell’Odg Campitiello, Ciotola, Conte, De Luca, Ferraro, Musto, Riccio, Sansoni, Savoia, Stravino; i rappresentanti delle associazioni territoriali campane che hanno aderito al movimento e una delegazione di colleghi del Lazio, della Lombardia e del Piemonte.
Il presidente dell’Assostampa Valle del Sarno, Salvatore Campitiello, nel suo intervento, ha rimarcato la voglia di cambiamento e la volontà del Movimento e dei suoi componenti di dare una svolta all’attuale situazione. Campitiello ha parlato di “una ristrutturazione necessaria dalle fondamenta, in un momento storico in cui le umiliazioni per i giornalisti precari sono tante e in cui editori senza scrupoli hanno deciso di calpestare la nostra dignità”.
“Nell’annunciare che l’Assostampa Valle del Sarno affiancherà il Movimento Unitario dei Giornalisti per imprimere ancora più forza sindacale alla categoria e dire con forza basta a soprusi e umiliazioni – ha concluso Salvatore Campitiello – chiediamo con fermezza rispetto come persone che devono non solo vivere con dignità ma che hanno anche il compito di garantire una informazione di qualità”.
A questo link il video del discorso del Presidente ieri a Napoli

Oggi l’inaugurazione della nostra sede

971317_10201570299728814_1036140336_n

L’Associazione Giornalisti Campania Valle del Sarno ha finalmente una sede propria. Grazie alla squisita disponibilità dell’Amministrazione Comunale di Castel San Giorgio, guidata dal sindaco Franco Longanella, i giornalisti che operano nella Valle del Sarno possono usufruire di due accoglienti locali nella storica Villa Calvanese che si trova in località Lanzara del Comune di Castel San Giorgio.
Oggi, venerdì 28 giugno alle ore 18 ci sarà l’inaugurazione della sede con relativa benedizione dei locali e taglio del nastro a cura di S. E. Giuseppe Giudice, Vescovo della Diocesi di Nocera Inferiore-Sarno. “Abbiamo finalmente una nostra sede – dichiara Salvatore Campitiello, presidente dell’Associazione, nonché consigliere nazionale dell’Ordine dei Giornalisti – e siamo orgogliosi del lavoro svolto fino a questo momento. Credo che, come operatori dell’informazione, dobbiamo sforzarci di incidere sempre di più nell’opinione pubblica che ha bisogno di sentirsi coinvolta in un processo di globalizzazione e di comunione di intenti. Il giornalismo non può essere inteso come un’attività verticistica, ma deve essere partecipativo e deve coinvolgere la parte attiva delle nostre comunità. Deve scendere fra la gente, deve essere la sentinella pronta a carpire ogni fatto, ogni evenienza; deve sentire proprie le varie esigenze della popolazione e mettere in rilievo costantemente sia la buona politica, sia le inevitabili disfunzioni che accompagnano la nostra vita di tutti i giorni. La figura del giornalista deve abbandonare lo stereotipo di chi, negli anni passati, sembrava chiuso in una torre d’avorio per poi emettere sentenze dall’alto di una posizione che è fuori dai tempi. Giornalismo significa partecipazione, presenza, obiettività e spirito di sacrificio. Dovremo tutti sforzarci nel tentativo di migliorarci e dovremo farlo – conclude Campitiello – in nome di una professione che resta sempre affascinante e coinvolgente, anche se viviamo tutti un periodo molto difficile”, Alla cerimonia di inaugurazione hanno assicurato la loro presenza i massimi esponenti dell’Ordine dei Giornalisti e della Federazione Nazionale della Stampa, nonché autorità militari, civili e religiose. Si tratterà di una cerimonia squisitamente formale: taglio del nastro e benedizione dei locali a cura di S.E. Giuseppe Giudice, Vescovo della Diocesi di Nocera-Sarno. Poi – dopo un breve saluto del sindaco di Castel San Giorgio, Franco Longanella, di Salvatore Campitiello, presidente dell’Associazione Giornalisti Campania della Valle del Sarno e di alcuni componenti dell’Ordine dei Giornalisti e della FNSI, ci sarà il brindisi augurale.

LA SEGRETARIA

Barbara Ruggiero

Comunicato stampa del Movimento Unitario Giornalisti per la Campania

Comunicato Stampa del Movimento Unitario Giornalisti per la Campania (facente capo a Mimmo Falco) inerente al momento giornalistico campano

___________________________________________

Movimento Unitario Giornalisti per la Campania

COMUNICATO STAMPA

I colleghi giornalisti del Movimento Unitario Giornalisti per la Campania, riunitisi quest’oggi in assemblea generale, alla presenza dei 10 eletti al Consiglio Nazionale, dei 3 eletti al Consiglio Regionale e del Revisore dei Conti, nonchè dei dirigenti regionali e dei rappresentanti negli organismi della FNSI e della Asso Stampa Napoletana e dei componenti il collegio regionale di disciplina e dei rappresentanti presso il Tribunale e la Corte di Appello di Napoli, hanno esaminato nel corso di un ampio dibattito i problemi della categoria.

L’assemblea ha, quindi, approfondito le diverse tematiche che caratterizzano l’attuale situazione della professione, con particolare riferimento alle procedure per il ricongiungimento professionale, alla applicazione della legge 150/00 (uffici stampa), della carta di Firenze e dell’equo compenso.
Nel corso del confronto è stata ribadita la ineluttabile necessità di trovare una convinta e non apparente unità della categoria per tutelare e difendere i colleghi giornalisti.
Il Movimento Unitario Giornalisti per la Campania non può fare a meno di stigmatizzare tutte le posizioni di aperta e forte contrapposizione registrate all’interno della categoria all’indomani del ballottaggio per le elezioni dei rappresentanti professionisti al Consiglio Nazionale e a quello Regionale della Campania.
Tale contrapposizione indebolisce e svilisce il ruolo di tutte le rappresentanze istituzionali, sia ordinistiche che sindacali, relegandole in una posizione di forte subalternità nei confronti delle istituzioni pubbliche e degli editori. Le divisioni si sono caratterizzate anche in queste ore in una serie di incontri scollegati tra loro senza un minimo di intesa e di programmazione su quanto mettere in campo per la reale tutela della professione. Lo stato di crisi di numerose realtà territoriali, sia della carta stampata, sia delle agenzia di stampa, sia delle radio e delle televisioni, impongono una azione responsabile, condivisa e unitaria, priva di personalismi e protesa alla tutela degli interessi di tutti i colleghi.
Pertanto, il Movimento Unitario Giornalisti per la Campania, viste le azioni poste in essere circa lo svolgimento delle elezioni per il ballottaggio dei colleghi professionisti del 26 maggio 2013,
Considerato il clima di polemiche registrato a tutt’oggi,

CHIEDE

Ai colleghi giornalisti pubblicisti eletti al primo turno al Consiglio Regionale della Campania

– dall’astenersi dal partecipare alla riunione programmata per il giorno 3 giugno 2013, ore 15.00, con all’ordine del giorno, tra l’altro, le elezioni delle cariche istituzionali.

– Di non partecipare alle future riunioni che saranno convocate, fino a un necessario chiarimento tra le diverse posizioni emerse.

L’assemblea invita gli eletti, se dovesse perdurare il clima di polemiche, a rassegnare irrevocabilmente le loro dimissioni da Consiglieri Regionali dell’Ordine dei Giornalisti.
Inoltre il Movimento Unitario Giornalisti per la Campania dá mandato ai consiglieri nazionali eletti di rendersi interpreti delle esigenze che potranno essere espresse dal territorio e poi cercare di realizzare ampie intese per caratterizzare, anche a livello nazionale, l’unità della categoria che in questo momento è indispensabile. Infine, l’assemblea del Movimento Unitario Giornalisti per la Campania chiede di proseguire nella mobilitazione per dare un apporto sostanziale sia all’Ordine che al Sindacato, preannunciando che presenterà propri rappresentanti, sia professionisti che pubblicisti, a tutti i i livelli nelle future competizioni per le elezioni dei rappresentanti della categoria, rifiutando tutte le logiche di contrapposizione sterili e manichee.

Napoli, 31 maggio 2013
L˙Ufficio Stampa

L’Assostampa ha una nuova sede. Firmata la convenzione per Palazzo Calvanese

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Un momento della firma della convenzione

L’Associazione Giornalisti Campania della Valle del Sarno ha una nuova sede. Stamane, alla presenza del sindaco dott. Franco Longanella, è stato firmata una convenzione fra l’Assostampa Campania Valle del Sarno e il Comune di Castel San Giorgio per l’uso di due locali presso Villa Calvanese.
Da oggi, quindi, l’Assostampa trasferisce la sua sede al secondo piano dell’imponente e storica struttura di Villa Calvanese sita alla frazione Lanzara. Alla stipula della convenzione, che sarà valida per tre anni, erano presenti il sindaco Franco Longanella, il vice sindaco Giuseppe Alfano, l’assessore al Bilancio e alle Politiche Sociali Antonino Coppola, l’assessore ai Servizi Amministrazione d’Ordine e Servizi Manutentivi Michele Salvati, la segretaria generale Mariacecilia Fasolino ed il vice presidente dell’Assostampa Giovanni Navarra. La convenzione è stata firmata dall’ing. Michele Perone, su delega del sindaco, e dal presidente dell’Assostampa Salvatore Campitiello.
L’Assostampa si è impegnata nei confronti dell’Amministrazione comunale a fornire supporto gratuito alle scuole presenti sul territorio per la formazione o creazione di giornali scolastici al fine di incentivare il processo di conoscenza e istruzione dei giovani sul mondo dell’informazione; inoltre, sarà compito dell’Associazione dei giornalisti creare un’emeroteca che possa raccogliere soprattutto pubblicazioni locali da consultare liberamente.
L’Assostampa, dopo aver provveduto all’insediamento logistico, organizzerà corsi di formazione di etica e deontologia rivolti ai giovani che intendono avviarsi alla professione giornalistica. Prevista anche organizzazione di convegni per l’attribuzione di crediti formativi obbligatori per giornalisti.
Salvatore Campitiello, presidente dell’Assostampa, intende ringraziare pubblicamente il dott. Franco Longanella, sindaco di Castel San Giorgio, per la grande disponibilità dimostrata e per la sua lungimiranza in tema di cultura. “Abbiamo incontrato grande disponibilità e attenzione – ha dichiarato – nei confronti dell’informazione. Come organizzazione siamo grati al primo cittadino di Castel San Giorgio, ritenuto comune logisticamente strategico perché situato proprio al centro del nostro territorio. Un grazie particolare va a Giovanni Navarra che fin dal primo momento, quando eravamo alla ricerca di una sede adeguata, ha premuto perché ci spostassimo a Castel San Giorgio”.