Mattarella: il diritto di cronaca è sacro, ma la vita della gente non è uno show

(fonte cnog)
“Talvolta i media cedono alla tentazione di voler spiegare in tempo reale gli avvenimenti, in luogo di narrarli, cercando nello smarrimento della gente, nei frammenti di immagine, in testimonianze, rese talvolta sotto choc, conclusioni destinate sovente a rivelarsi fallaci alla luce dei fatti. Conclusioni che comunque, conquistando diritto di cittadinanza, nel moto, labile e perpetuo, dell’informazione, incidono nella formazione delle opinioni. Non può valere in questo caso il detto ‘the show must go on’, perché non si tratta di spettacolo bensì della vita e del futuro delle persone”.
Lo sottolinea il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, durante la cerimonia del Ventaglio con l’Asp (l’Associazione della stampa parlamentare). “Sotto altro profilo – continua il capo dello Stato – il sacrosanto e irrinunziabile diritto di cronaca e il dovere di informare, anch’esso sacrosanto e irrinunziabile, non sono e non possono essere, naturalmente, posti in discussione. Forse sarebbe opportuno, peraltro, ricercare il punto di equilibrio con l’esigenza di evitare che la ripetitività fuor di misura di immagini di violenza possa provocare comportamenti emulativi. Quegli stessi comportamenti che il web, pur tra tanti benefici, talvolta sembra suggerire, offrendo una platea sterminata ai predicatori di odio. Da tante parti è stato sottolineato più volte che è anzitutto sul terreno della cultura e dei valori che è possibile battere la violenza che aggredisce le nostre città”.
Mattarella cita la giornalista Letizia Leviti che, ricorda, “nello splendido messaggio lasciatoci pochi giorni fa, ha detto: ‘Abbiamo un debito con i telespettatori: dobbiamo dirgli la verita”. Questo richiamo non vale soltanto per i giornalisti, vale per tutti, a partire dalle donne e dagli uomini delle istituzioni, siano indipendenti, di maggioranza o di opposizione”.

raccomandazione ai colleghi sulla deontologia professionale

Gentili colleghi,

alla luce di recenti fatti di cronaca che, purtroppo, hanno fatto registrare dei suicidi anche nella Valle del Sarno, vi invitiamo a trattare le notizie con la massima attenzione, rispettando scrupolosamente la deontologia professionale.

Chiediamo a tutti voi di usare la massima prudenza nel trattare ogni singolo caso nel rispetto sia della dignità delle persone, sia del dolore e della privacy a cui hanno diritto le famiglie. Siamo certi che userete massima cautela nella trattazione di ogni singolo argomento per non sollecitare uno spirito di emulazione tra coloro che vivono una fragile condizione psicologica.

Restiamo convinti che un’informazione corretta debba essere alla base della notizia e che rappresenti una rispettosa dignità dei soggetti coinvolti nei fatti di cronaca.

Nocera Inferiore, 07/06/2012

IL PRESIDENTE

(Salvatore Campitiello)

Risultati della tavola rotonda “Libertà di stampa e diritto di cronaca”

COMUNICATO STAMPA

“Siamo tutti redattori di Metropolis che da sempre è un baluardo nella lotta alla camorra. Scenderemo in strada a lavorare al fianco dei colleghi contro le minacce e le intimidazioni per la libertà di stampa, che provengano dalla camorra o da qualsiasi altra fonte”. E’ l’impegno dal presidente dell’Ordine dei giornalisti della Campania, Ottavio Lucarelli, a nome di tutti i presenti alla tavola rotonda sulla libertà di informazione e diritto di cronaca tenutasi presso la sede di Metropolis Network, a Torre Annunziata. Concordi, e pronti a firmare articoli e inchieste come “redattori” di Metropolis, anche l’ex magistrato e presidente onorario della Suprema corte di Cassazione ed ex senatore Ferdinando Imposimato (… sono orgoglioso di conoscere e di firmare in una voce libera: rappresenta una speranza per la Campania); Salvatore Campitiello, dell’Assostampa Valle Del Sarno (… gli attestati di solidarietà da soli non bastano, servono azioni concrete); Enzo Colimoro, presidente dell’Assostampa campana (… giù le mani dai giornalisti), e Mimmo Falco, vicepresidente del consiglio dell’ordine dei giornalisti della Campania (…la lotta alla camorra non si predica ma si pratica quotidianamente). Un impegno forte per reagire, con fatti concreti, alle intimidazioni subite dal quotidiano pochi giorni fa quando la camorra di Castellammare fece il giro delle edicole per impedire la vendita del giornale che aveva pubblicato la notizia del possibile pentimento di Salvatore Belviso, esponente di spicco dei D’Alessandro, e per dire no ai pretestuosi tentativi di delegittimazione del lavoro dei giornalisti di Metropolis attuato dal sindaco di Castellammare, Luigi Bobbio. Al dibattito erano presenti anche il presidente del tribunale di Torre Annunziata, Vincenzo Maria Albano (che nei giorni scorsi si era schierato al fianco di Metropolis  dichiarando “…attaccare Metropolis vuol dire favorire oggettivamente la camorra”)  i sindaci di Torre Annunziata, Giosuè Starita, e Vincenzo Cuomo, presente sia come primo cittadino di Portici che come presidente regionale dell’Anci. Quest’ultimo ha insistito sulla necessità di creare un fronte comune tra giornalisti e istituzioni. “Indossiamo la stessa maglia – ha detto il presidente Anci – per combattere la camorra. Tutti i sindaci della Campania sono al fianco delle redazioni di Metropolis Network contro qualsiasi attacco, di ogni tipo”. A moderare il dibattito è stato il direttore del quotidiano Metropolis, Giuseppe Del Gaudio che ha ribadito l’impegno del giornale a favore della verità e della libertà di informazione, fulcro di una vera democrazia. Presente anche il direttore di Metropolis TG, Giovanni Taranto che ha ribadito: “Non abbiamo mai cercato patenti di eroismo, né medaglie: vogliamo solo continuare a fare il nostro lavoro di cronisti, ricordando che tutte le istituzioni dovrebbero fare fronte comune con l’informazione contro la malavita organizzata, e che ogni  crepa che si apre in questo fronte può avere effetti devastanti”.

 

Firmato:

Ottavio Lucarelli e Mimmo Falco (presidente e vicepresidente ordine giornalisti Campania)

Enzo Colimoro (Presidente Associazione della Stampa della Campania)

– Salvatore Campitiello (Presidente Associazione dei giornalisti della Valle del Sarno)

Tavola rotonda su “Libertà di stampa e diritto di cronaca”

Martedì 11 ottobre, alle ore 11, presso la sala conferenze di Metropolis Network in via Provinciale Schiti a Torre Annunziata, l’Associazione Napoletana della Stampa in collaborazione con l’Associazione Giornalisti Valle del Sarno, organizza una tavola rotonda aperta ai colleghi e a tutti quanto volessero intervenire sul tema:

“Libertà di stampa e diritto di cronaca”. 

 

Parteciperanno:

Ferdinando Imposimato – ex magistrato

Mimmo Falco – componente giunta esecutiva Fnsi

Ottavio Lucarelli – Presidente regionale Ordine giornalisti

Enzo Colimoro – Presidente Assostampa Napoli

Salvatore Campitiello – Presidente Associazione Giornalisti Valle del Sarno

Giuseppe Del Gaudio – Direttore Metropolis Network

Giovanni Taranto – Direttore Metropolis Tg

Giosuè Starita – Sindaco di Torre Annunziata

 

Torre Annunziata, 08/10/2011