Premio Castellano rinviato al 2021

A causa dell’attuale situazione sanitaria, siamo costretti a rinviare la X edizione del Premio Giornalistico intitolato alla memoria di “Mimmo Castellano”.
La premiazione slitterà al 2021, non appena la situazione sanitaria del nostro Paese ci consentirà di realizzare la cerimonia.

Il 6 dicembre l’ottava edizione del Premio Giornalistico Mimmo Castellano

Mimmo Castellano

Si terrà giovedì 6 dicembre prossimo alle ore 15, presso l’Aula consiliare del Comune di Castel San Giorgio, l’ottava edizione del premio giornalistico “Mimmo Castellano”. La manifestazione – organizzata anche quest’anno dall’Associazione della Stampa Campania Valle del Sarno, con il patrocinio del Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Giornalisti, del Consiglio dell’Ordine dei Giornalisti della Campania, del Movimento Unitario Giornalisti, del Comune di Castel San Giorgio e della Provincia di Salerno – è oramai un appuntamento fisso per onorare la memoria del compianto Mimmo Castellano, figura mitica per i giornalisti, scomparso prematuramente dieci anni fa.
Come si ricorderà, Castellano è stato vicepresidente dell’Ordine dei giornalisti della Campania e segretario generale aggiunto della Federazione Nazionale della Stampa Italiana. Al suo nome sono legati numerosi riconoscimenti che la categoria dei giornalisti è riuscita a ottenere in momenti assai delicati della professione.
L’istituzione del premio rappresenta uno dei fiori all’occhiello dell’Assostampa Campania Valle del Sarno che fin dalla costituzione del sodalizio ha inteso in tal modo rendere omaggio all’uomo che deve essere considerato un vero papà per i giornalisti pubblicisti.
L’edizione di quest’anno, che sarà ancora una volta ospitata nell’Aula consiliare del Comune di Castel San Giorgio, sarà presentata dal giornalista RAI, Giuseppe De Caro che si avvarrà della collaborazione delle colleghe Daniela Apuzza e Brigitte Esposito. Il tema di quest’anno, particolarmente sentito, “Violenza sulle donne e tutela delle fasce deboli nei codici e nelle carte deontologiche” sarà sviscerato nel corso di un dibattito che vedrà impegnati il presidente dell’Ordine dei Giornalisti, Carlo Verna, il presidente del Consiglio Regionale dell’Ordine dei giornalisti della Campania, Ottavio Lucarelli, il presidente del Movimento Unitario dei Giornalisti, Mimmo Falco e altre autorità. I premi quest’anno saranno assegnati a colleghi che si sono particolarmente impegnati a tutela delle fasce deboli.
Allieteranno il premio gli intermezzi musicali di Marzia De Nardo.

“Mimmo Castellano – La forza del giornalismo” al Teatro Delle Arti

“Mimmo Castellano – La forza del giornalismo”. Il libro dedicato alla memoria dell’indimenticato Mimmo Castellano è stato presentato ieri sera al Teatro Delle Arti di Salerno. Il volume – curato da Salvatore Campitiello, presidente dell’Associazione dei giornalisti Campania Valle del Sarno e da Elia Fiorillo, componente del comitato esecutivo del Sindacato Libero Scrittori Italiani, edito da Realtà Sannita – racchiude ben 54 testimonianze di colleghi, amici che hanno lavorato a stretto contatto con il cronista della carta stampata, il quale per anni ha svolto un’appassionante lotta sindacale in difesa della categoria. In particolar modo, la sua figura è di fondamentale rilevanza per l’ascesa della categoria dei giornalisti pubblicisti.
Durante la serata presentata dal giornalista Giovanni Fuccio e conclusa dall’ex responsabile della Rai 3 Regione, Pino Blasi, sono stati letti alcuni brani dalle giornaliste Elisabetta Bruno e Brigitte Esposito, passi di testimonianze che hanno riportato indietro nel tempo i presenti, confermando ancor di più l’affetto che molti colleghi nutrono per questa figura così carismatica nel mondo del giornalismo.

Venerdì 16 febbraio presentazione del libro “Mimmo Castellano. La forza del giornalismo” a Salerno

Mimmo Castellano tra i maggiori esponenti del modo sindacale della FNSI al congresso del 1992 a Pugnochiuso

Al via la prima edizione de i “Libri in TEATRO”, una rassegna letteraria di forte spessore culturale, ideata da Francesco Grillo, direttore e curatore della rassegna “Raitolibri” e da Claudio Tortora, direttore artistico del Teatro dell’Arti di Salerno. Chiamati alla presentazione sono stati le opere di autori affermati e diversi scrittori emergenti nei più variegati generi. Ad ospitarli saranno i locali dell’ormai tempio della cultura e dell’arte in genere de il Teatro dell’Arti di Salerno. Anche quest’anno la Direzione artistica si avvarrà della collaborazione del Consiglio studenti del Dipsum (Associazione studentesca Futura) dell’Università di Salerno rappresentato da Stefano Pignataro. “La rassegna – spiega Francesco Grillo- ha l’intento di avvicinare sempre più le persone alla lettura dei libri, stimolandole attraverso la novità ed il fascino del palcoscenico”.
Il primo libro, “Mimmo Castellano. La forza del giornalismo” sarà presentato venerdì 16 marzo alle ore 18,30 dal giornalista Pino Blasi. Saranno presenti Salvatore Campitiello ed Elia Fiorillo, che hanno curato la pubblicazione e l’editore Giovanni Fuccio di Realtà Sannita.
Il libro raccoglie tantissime testimonianze di giornalisti che descrivono con efficacia l’azione sindacale e di rappresentanza nell’Ordine e nella Federazione Nazionale della Stampa Italiana del collega pubblicista campano Mimmo Castellano.
Castellano, leader dei giornalisti pubblicisti italiani, è stato vice segretario nazionale e segretario nazionale aggiunto della FNSI. Scomparso il 16 giugno 2008 ha lasciato al giornalismo italiano un patrimonio di idee, di operosità e di comportamenti riconosciuto da tutto il mondo giornalistico.
Non senza difficoltà Mimmo Castellano, infine, si è sempre battuto per un’unità non di facciata, né opportunistica, tra tutti giornalisti italiani e dei loro organismi di rappresentanza, per incidere al meglio l’azione sindacale e quindi di tutela della categoria al fine di migliorare l’informazione al cittadino.
Presenzieranno alla presentazione del libro, la famiglia di Mimmo Castellano e alcuni dirigenti sindacali e dell’Ordine dei giornalisti.

Premio giornalistico “Mimmo Castellano”, ieri la settima edizione

In una affollata Aula Consiliare del Comune di Castel San Giorgio (SA), alla presenza di Autorità militari, civili e religiose, oltre che di una folta rappresentanza della categoria dei giornalisti, si è tenuta ieri la settima edizione del premio giornalistico “Mimmo Castellano”.
La manifestazione – organizzata anche quest’anno dall’Associazione della Stampa Campania Valle del Sarno, con il patrocinio del Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Giornalisti, del Consiglio dell’Ordine dei Giornalisti della Campania, del Movimento Unitario Giornalisti, del Comune di Castel San Giorgio e della Provincia di Salerno – intende onorare la memoria del compianto Mimmo Castellano, figura mitica per i giornalisti. Come si ricorderà, Castellano è stato vicepresidente dell’Ordine dei giornalisti della Campania e segretario generale aggiunto della Federazione Nazionale della Stampa Italiana ed è scomparso prematuramente nel 2008.
Il premio giornalistico “Mimmo Castellano” è uno dei fiori all’occhiello dell’Assostampa Campania Valle del Sarno: fin dalla costituzione del sodalizio i soci hanno inteso rendere omaggio a quello che deve essere considerato un vero papà dei giornalisti pubblicisti con un riconoscimento per tutti coloro che si distinguono nel campo dell’informazione.
La settima edizione del Premio è stata presentata dai giornalisti Giuseppe De Caro della Rai di Napoli e dalla freelance Daniela Apuzza.
Non sono mancati, nel corso del pomeriggio, gli spunti di riflessione sul mondo dell’informazione contemporanea. Tutti i giornalisti intervenuti si sono soffermati sull’importanza dell’etica e della deontologia professionale, quanto mai necessarie specie in anni in cui le nuove tecnologie, complici la fretta e la mancata verifica delle notizie, sembrano minare la credibilità della categoria. I convenuti, nei vari interventi, hanno rimarcato la necessità di salvaguardare la qualità dell’informazione, unica risposta da dare alla crisi che attanaglia il settore.

Questi i premiati:
Per la sezione Giovani hanno ricevuto il premio Davide Speranza, collaboratore de “la Città” e Brigitte Esposito, giornalista freelance.
Sezione sport del territorio Giuseppe Della Morte, collaboratore di “Telenuova”, emittente televisiva regionale.
Sezione Uffici stampa, al colonnello dell’esercito Francesco Tirino, responsabile della Ufficio Pubblica Informazione e Comunicazione delle forze operative nell’Italia del sud ed insulare.
Sezione Impegno sociale a monsignor Pasquale  Mocerino, responsabile della comunicazione del santuario di Pompei.
Sezione Impegno di categoria ad Ottavio Lucarelli, presidente dell’Ordine dei giornalisti della Campania.
Sezione giornalismo sportivo donne a Alda Angrisani, vice capo redattore di “Raisport”.
Sezione alla carriera Venanzio Postiglione, vicedirettore del “Corriere della Sera” e a Giuseppe Blasi, presidente UCSI Campania, già responsabile dei “TgRai3” regionali.
Riconoscimenti speciali con medaglia dell’Ordine della Campania all’editore-giornalista Giovanni Fuccio per la pubblicazione del libro “Mimmo Castellano, la forza del giornalismo” e fondatore del quindicinale “Realtà Sannita”; a Franco Russo, fondatore della rivista “Nord-sud”, poeta e  autore del testo “Omaggio ai giornalisti”, una canzone che è stata presentata nel corso del pomeriggio con l’interpretazione del tenore Gaspare Di Lauri; e a Biagio Esposito, collaboratore della “Gazzetta del Sud” da circa 50 anni.
Hanno presenziato alla manifestazione S.E. l’arcivescovo della diocesi Amalfi-Cava de’ Tirreni, mons. Orazio Soricelli, il sindaco di Castel San Giorgio Paola Lanzara accompagnata dal  vice sindaco Giuseppe Alfano, il consigliere della Provincia di Salerno Antonio Rescigno, il generale Carmine De Pascale in rappresentanza della Regione Campania, il Procuratore della Repubblica emerito Gianfranco Izzo, il colonnello dell’esercito Vincenzo Lauro, il direttore dell’Ordine Nazionale dei Giornalisti, Ennio Bartolotta.
Al  tavolo dei relatori Mimmo Falco, presidente del Movimento Unitario Giornalisti; Nicola Marini, presidente del Consiglio Nazionale dei Giornalisti; Salvatore Campitiello, presidente dell’Assostampa Campania Valle del Sarno.
La serata è stata allietata dalla violinista Marzia De Nardo. A fine manifestazione la rinomata pasticceria Fatù di Pagani, conosciuta ed apprezzata per i suoi prodotti artigianali in tutto il comprensorio, ha voluto offrire un dolce omaggio alle Autorità presenti.

Premio giornalistico Mimmo Castellano, il 28 settembre la settima edizione

Giovedì 28 settembre 2017 alle ore 15.30, presso l’Aula consiliare del Comune di Castel San Giorgio (SA), si terrà la settima edizione del Premio giornalistico “Mimmo Castellano”. La manifestazione – organizzata dall’Assostampa Campania Valle del Sarno, con il patrocinio del Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti, del Consiglio dell’Ordine dei giornalisti della Campania, del Movimento Unitario Giornalisti, del Comune di Castel San Giorgio e della Provincia di Salerno – intende onorare la memoria di Mimmo Castellano, già vicepresidente dell’Ordine dei giornalisti della Campania e segretario generale aggiunto della Federazione Nazionale della Stampa Italiana.
Il premio sarà assegnato a colleghi che nel corso della loro carriera si sono particolarmente distinti nel campo dell’informazione nazionale e locale.
Questa edizione del premio avrà come tema di fondo la tutela della dignità umana e la qualità dell’informazione: sarà posta enfasi sul lavoro di tanti giornalisti che quotidianamente nel loro lavoro sono protagonisti di battaglie di civiltà per la tutela della libertà di informazione. Si tratta di temi che hanno sempre accompagnato la nobile figura di Mimmo Castellano, che ha sempre invitato la categoria dei giornalisti a essere unita e compatta pur nelle diversità d’idee.
Alla manifestazione, oltre a diverse autorità e a consiglieri nazionali e regionali dell’Ordine dei giornalisti, saranno presenti:
- Nicola Marini, presidente del Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti;
- Ottavio Lucarelli, presidente del Consiglio dell’Ordine dei giornalisti della
Campania;
- Mimmo Falco, presidente del Movimento Unitario dei Giornalisti.
Nel corso della serata sarà presentato anche il libro “Mimmo Castellano – La forza del giornalismo” a cura di Salvatore Campitiello ed Elia Fiorillo, edizioni Realtà Sannita.
Allieteranno il premio gli intermezzi musicali di Marzia De Nardo con siparietto per un “Omaggio ai giornalisti” testo di Franco Russo – musica di Mario Alfano.

Mimmo Castellano, la forza del giornalismo: la presentazione del volume

Si è svolta lunedì mattina, presso l’Emeroteca Tucci di Napoli, la presentazione del libro “Mimmo Castellano – La forza del giornalismo”, curato da Salvatore Campitiello e da Elia Fiorillo, edito da Realtà Sannita.
Presenti alla manifestazione il presidente del Consiglio regionale dell’Ordine dei giornalisti, Ottavio Lucarelli, e il presidente del Movimento Unitario Giornalisti, Mimmo Falco.
Nelle foto, alcuni momenti della mattinata

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lunedì a Napoli la presentazione del libro “Mimmo Castellano – La forza del giornalismo”

invito_libro_castellanoLunedì 19 dicembre 2016, alle ore 9, presso l’Emeroteca Tucci di Napoli (Piazza Matteotti, 2), si terrà la conferenza stampa di presentazione di una pubblicazione sul giornalista Mimmo Castellano, scomparso il 18 giugno del 2008.
Titolo del libro: “Mimmo Castellano – La forza del giornalismo” a cura di Salvatore Campitiello ed Elia Fiorillo, edizione Realtà Sannita.
Nel volume si rievoca – con testimonianze di giornalisti e amici dello scomparso – la figura di un giornalista pubblicista molto noto e stimato, amato non solo in Campania ma in tutta Italia.
Nato a Napoli nel 1935 e vissuto a Castellammare di Stabia, Mimmo Castellano ha operato per oltre un quarantennio, fino agli inizi del duemila, nel mondo dell’informazione con alti incarichi nella Federazione Nazionale della Stampa Italiana dove fu vice segretario nazionale e segretario generale aggiunto e, nell’Ordine vice presidente del consiglio della Campania.
Nel libro il ricordo di Castellano e della sua opera è affidato alla penna di illustri colleghi giornalisti sia professionisti, sia pubblicisti. Questi ultimi meno conosciuti ma non per questo meno importanti, che hanno operato e operano nel mondo dell’informazione; una categoria che Mimmo Castellano aveva sempre difeso fino all’ultimo giorno della sua scomparsa.
La pubblicazione riporta le testimonianze del presidente dell’Ordine Nazionale, Enzo Iacopino, di Beppe Giulietti, presidente della FNSI, e poi ancora di Mimmo Falco, Ottavio Lucarelli, Franco Siddi, Giancarlo Tartaglia, Annamaria Barbato Ricci, Pino Blasi, Elisabetta Bruno, Marco Caramagna, Clemente Carlucci, Angelo Ciaravolo, Pasquale Cirillo, Gianfranco Coppola, Ermanno Corsi, Marcello Curzio, Antonio De Caro, Giuseppe De Girolamo, Vera De Luca, Armando De Rosa, Maurizio De Tilla, Lorenzo Del Boca, Pippo Della Corte, Nicola Di Monaco, Nino Di Somma, Ezio Ercole, Gianpaolo Esposito, Daniela Faiella, Gino Falleri, Mauro Fellico, Giovanni Fuccio, Gennaro Guida, Peppe Iannicelli, Gaetano Imparato, Mimmo Marcozzi, Vincenzo Massa, Sigismondo Nastri, Rita Occidente Lupo, Gennaro Pane, Enrico Paissan, Giuseppe Petrucciani, Franco Po, Attilio Raimondi, Riccardo Rampolla, Annamaria Riccio, Vittorio Roidi, Barbara Ruggiero, Nino Ruggiero, Francesco Russo, Mimmo Santonastaso, Antonio Sasso, Mario Vassalluzzo, Carlo Verna, Luigi Zappella.
Salvatore Campitiello ed Elia Fiorillo autori e curatori del libro, in collaborazione con Mimmo Falco e con l’Assostampa Campania Valle del Sarno, hanno raccolto e messo in ordine i vari contributi e tracciato un profilo di Castellano, l’uomo e il giornalista, con il quale hanno collaborato intensamente durante tutto il suo percorso terreno, umano e sindacale. Nella rassegna è presente anche il sentito ricordo del nipote, Claudio Lapice.
Il volume è corredato di fotografie, resoconti di tutte le manifestazioni di premiazione del “Premio Giornalistico Mimmo Castellano” giunto alla sesta edizione e istituito dall’Associazione Giornalisti Campania Valle del Sarno della quale è presidente Salvatore Campitiello.
Nell’occasione dell’evento, sarà presentato anche l’Inno nazionale dei giornalisti. Autori dei versi Franco Russo e della musica il maestro Mario Alfano.

Premio Castellano, il resoconto della Sesta edizione

ceramica-premioOggi più che mai è fondamentale che i giornalisti restino uniti nelle battaglie per la tutela della professione. Un invito, un monito rivolto a tutti, alla stregua del famoso “affasciamoci” con cui Mimmo Castellano invitava tutti gli operatori dell’informazione all’unità. È stato questo il leitmotiv della Sesta edizione del Premio giornalistico “Mimmo Castellano”, che si è svolto nell’aula consiliare del comune di Castel San Giorgio.
Alla manifestazione – che intende onorare la memoria di Mimmo Castellano, già vicepresidente dell’Ordine dei giornalisti della Campania e segretario generale aggiunto della Federazione Nazionale della Stampa Italiana – hanno preso parte rappresentanti nazionali e regionali della categoria.

premio-a-gennaro-sangiuliano

Enzo Iacopino e Mimmo Falco premiano Gennaro Sangiuliano

Nel corso della serata sono stati consegnati riconoscimenti a giornalisti che si sono particolarmente distinti nel panorama dell’informazione nazionale e locale.
Il premio alla carriera è stato consegnato a Gennaro Sangiuliano, vicedirettore Tg1. Ecco l’elenco dei premiati.

premio-a-gaetano-imparato

Alessandro Savoia, Gaetano Imparato, Barbara Ruggiero, Massimiliano Musto e Giuseppe De Caro

premio-a-gianfranco-coppola-n-2

Daniela Apuzza, Gianfranco Coppola e Livio Pastore

Sezione Sport: Gianfranco Coppola, redattore Tgr Campania e Gaetano Imparato, redattore de “La Gazzetta dello Sport”.

premio-al-prof-aurelio-musi-1

Carlo Verna e Gigi Di Mauro consegnano il riconoscimento ad Aurelio Musi

Sezione Cultura: Aurelio Musi, editorialista delle pagine napoletane di “la Repubblica”.

premio-a-don-maurizio-patriciello

Francesco Ferraro e Santino Franchina con don Maurizio Patriciello

Sezione Impegno Sociale: padre Maurizio Patriciello, collaboratore di “Avvenire”.

premio-a-federica-angeli

Ottavio Lucarelli, Federica Angeli e Gianfranco Izzo

Sezione Inchieste: Federica Angeli, redattrice de “la Repubblica”.

premio-a-vania-de-luca

Enzo Iacopino e il vescovo Giuseppe Giudice consegnano il premio a Vania De Luca

14691242_738613409624360_7704870744622564173_o

Attilio Raimondi premiato da Luigi Usai e Mario Orlando

Sezione Rappresentanti di categoria: Attilio Raimondi, componente di Cnog, Fnsi e Inpgi e Vania De Luca, di “RaiNews24” e presidente UCSI.
Quest’anno è stata istituita per la prima volta la sezione “alla memoria”, con riconoscimenti consegnati ai familiari di Vera De Luca, Ugo Di Pace, Francesco Fasolino e Giancarlo Siani.
Nel corso del pomeriggio ci sono stati gli interventi del presidente del Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti, Enzo Iacopino e del suo vice presidente, Santino Franchina; del presidente del Consiglio dell’Ordine dei giornalisti della Campania, Ottavio Lucarelli; del presidente del Movimento Unitario dei Giornalisti, Mimmo Falco; e del presidente dell’Assostampa Campania Valle del Sarno, Salvatore Campitiello.
Tutti hanno rimarcato l’importanza dell’unità della categoria in un momento particolare per l’informazione e per l’Ordine professionale, alla luce della legge di riforma del settore dell’editoria approvata di recente da Camera e Senato. Partendo dal caso di Federica Angeli, sotto scorta per una serie di inchieste e di denunce fatte dalle colonne de “la Repubblica”, l’attenzione dei relatori è stata incentrata anche sulle continue intimidazioni, minacce e querele temerarie di cui purtroppo i giornalisti sono vittime.
Al termine della serata, Campitiello ha inteso consegnare anche un riconoscimento al Vescovo della Diocesi di Nocera-Sarno, mons. Giuseppe Giudice; all’ex Procuratore della Repubblica di Nocera Inferiore, dott. Gianfranco Izzo; e al tenente colonnello dell’esercito Luigi Usai della Divisione Acqui.
Alla manifestazione – organizzata dall’Assostampa Campania Valle del Sarno con il patrocinio di Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti, Consiglio regionale dell’Ordine dei giornalisti della Campania, Movimento Unitario Giornalisti, Provincia di Salerno e Comune di Castel San Giorgio – hanno preso parte numerosi consiglieri nazionali e regionali dell’Ordine dei giornalisti e rappresentanti della categoria.
Gli interventi musicali di Marzia De Nardo hanno allietato l’evento, presentato dai giornalisti Daniela Apuzza e Giuseppe De Caro.

Premio “Mimmo Castellano” 2016, i nomi dei vincitori

schermata-2016-10-18-alle-08-39-38

mimmo_castellano

Mimmo Castellano

Giovedì 20 ottobre 2016 alle ore 16, presso l’Aula consiliare del Comune di Castel San Giorgio (SA), si terrà la sesta edizione del Premio giornalistico “Mimmo Castellano”.
La manifestazione – organizzata dall’Associazione della Stampa Campania Valle del Sarno, con il patrocinio del Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti, del Consiglio dell’Ordine dei giornalisti della Campania, del Movimento Unitario Giornalisti, del Comune di Castel San Giorgio e della Provincia di Salerno – intende onorare la memoria di Mimmo Castellano, già vicepresidente dell’Ordine dei giornalisti della Campania e segretario generale aggiunto della Federazione Nazionale della Stampa Italiana.
Il premio sarà assegnato a prestigiosi colleghi che nel corso della loro carriera si sono particolarmente distinti nel campo dell’informazione nazionale e locale.

I premiati di quest’edizione:

Sezione sport:

Gianfranco Coppola, redattore TGR Campania
Gaetano Imparato, redattore de “La Gazzetta dello Sport”

Sezione cultura:

Aurelio Musi, editorialista delle pagine napoletane de “la Repubblica”

Sezione impegno sociale:

padre Maurizio Patriciello, collaboratore di “Avvenire”

Sezione Inchieste:

Federica Angeli, redattrice de “la Repubblica”

Sezione rappresentanti di categoria:

Attilio Raimondi, membro del Cnog, Fnsi, Inpgi
Vania De Luca, di “RaiNews24” e presidente UCSI

Premio alla carriera:

Gennaro Sangiuliano, vicedirettore Rai Tg1

Saranno, inoltre conferiti, premi alla memoria a Vera De Luca, Ugo Di Pace, Francesco Fasolino e Giancarlo Siani.
La riflessione prevalente e caratterizzante di questa VI edizione sarà incentrata sulla deontologia professionale e sulle continue intimidazioni, minacce, discriminazioni, querele temerarie, esclusioni arbitrarie, aggressioni a giornalisti e a operatori dell’informazione la cui escalation è fortemente preoccupante.
Alla manifestazione, oltre a diversi consiglieri nazionali e regionali dell’Ordine dei giornalisti, saranno presenti:

il presidente del Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti, Enzo Iacopino
il presidente del Consiglio dell’Ordine dei giornalisti della Campania, Ottavio Lucarelli
il presidente del Movimento Unitario dei Giornalisti, Mimmo Falco
il vicepresidente del Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti, Santino Franchina

Durante la serata sono previsti intermezzi musicali a cura di Marzia De Nardo.