Premio Castellano, il resoconto della Sesta edizione

ceramica-premioOggi più che mai è fondamentale che i giornalisti restino uniti nelle battaglie per la tutela della professione. Un invito, un monito rivolto a tutti, alla stregua del famoso “affasciamoci” con cui Mimmo Castellano invitava tutti gli operatori dell’informazione all’unità. È stato questo il leitmotiv della Sesta edizione del Premio giornalistico “Mimmo Castellano”, che si è svolto nell’aula consiliare del comune di Castel San Giorgio.
Alla manifestazione – che intende onorare la memoria di Mimmo Castellano, già vicepresidente dell’Ordine dei giornalisti della Campania e segretario generale aggiunto della Federazione Nazionale della Stampa Italiana – hanno preso parte rappresentanti nazionali e regionali della categoria.

premio-a-gennaro-sangiuliano

Enzo Iacopino e Mimmo Falco premiano Gennaro Sangiuliano

Nel corso della serata sono stati consegnati riconoscimenti a giornalisti che si sono particolarmente distinti nel panorama dell’informazione nazionale e locale.
Il premio alla carriera è stato consegnato a Gennaro Sangiuliano, vicedirettore Tg1. Ecco l’elenco dei premiati.

premio-a-gaetano-imparato

Alessandro Savoia, Gaetano Imparato, Barbara Ruggiero, Massimiliano Musto e Giuseppe De Caro

premio-a-gianfranco-coppola-n-2

Daniela Apuzza, Gianfranco Coppola e Livio Pastore

Sezione Sport: Gianfranco Coppola, redattore Tgr Campania e Gaetano Imparato, redattore de “La Gazzetta dello Sport”.

premio-al-prof-aurelio-musi-1

Carlo Verna e Gigi Di Mauro consegnano il riconoscimento ad Aurelio Musi

Sezione Cultura: Aurelio Musi, editorialista delle pagine napoletane di “la Repubblica”.

premio-a-don-maurizio-patriciello

Francesco Ferraro e Santino Franchina con don Maurizio Patriciello

Sezione Impegno Sociale: padre Maurizio Patriciello, collaboratore di “Avvenire”.

premio-a-federica-angeli

Ottavio Lucarelli, Federica Angeli e Gianfranco Izzo

Sezione Inchieste: Federica Angeli, redattrice de “la Repubblica”.

premio-a-vania-de-luca

Enzo Iacopino e il vescovo Giuseppe Giudice consegnano il premio a Vania De Luca

14691242_738613409624360_7704870744622564173_o

Attilio Raimondi premiato da Luigi Usai e Mario Orlando

Sezione Rappresentanti di categoria: Attilio Raimondi, componente di Cnog, Fnsi e Inpgi e Vania De Luca, di “RaiNews24” e presidente UCSI.
Quest’anno è stata istituita per la prima volta la sezione “alla memoria”, con riconoscimenti consegnati ai familiari di Vera De Luca, Ugo Di Pace, Francesco Fasolino e Giancarlo Siani.
Nel corso del pomeriggio ci sono stati gli interventi del presidente del Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti, Enzo Iacopino e del suo vice presidente, Santino Franchina; del presidente del Consiglio dell’Ordine dei giornalisti della Campania, Ottavio Lucarelli; del presidente del Movimento Unitario dei Giornalisti, Mimmo Falco; e del presidente dell’Assostampa Campania Valle del Sarno, Salvatore Campitiello.
Tutti hanno rimarcato l’importanza dell’unità della categoria in un momento particolare per l’informazione e per l’Ordine professionale, alla luce della legge di riforma del settore dell’editoria approvata di recente da Camera e Senato. Partendo dal caso di Federica Angeli, sotto scorta per una serie di inchieste e di denunce fatte dalle colonne de “la Repubblica”, l’attenzione dei relatori è stata incentrata anche sulle continue intimidazioni, minacce e querele temerarie di cui purtroppo i giornalisti sono vittime.
Al termine della serata, Campitiello ha inteso consegnare anche un riconoscimento al Vescovo della Diocesi di Nocera-Sarno, mons. Giuseppe Giudice; all’ex Procuratore della Repubblica di Nocera Inferiore, dott. Gianfranco Izzo; e al tenente colonnello dell’esercito Luigi Usai della Divisione Acqui.
Alla manifestazione – organizzata dall’Assostampa Campania Valle del Sarno con il patrocinio di Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti, Consiglio regionale dell’Ordine dei giornalisti della Campania, Movimento Unitario Giornalisti, Provincia di Salerno e Comune di Castel San Giorgio – hanno preso parte numerosi consiglieri nazionali e regionali dell’Ordine dei giornalisti e rappresentanti della categoria.
Gli interventi musicali di Marzia De Nardo hanno allietato l’evento, presentato dai giornalisti Daniela Apuzza e Giuseppe De Caro.

Deontologia e progettazione scolastica: formazione il 27 febbraio a Nocera

Sabato 27 febbraio 2016 (ore 9/13) si terrà il seminario gratuito di aggiornamento per giornalisti sul tema “La deontologia nella tecnica della progettazione scolastica”. Il corso – che dà diritto all’acquisizione di 6 crediti formativi – è organizzato dall’Ordine dei giornalisti della Campania in collaborazione con l’Assostampa Campania Valle del Sarno.
A relazionare sul tema ci saranno i giornalisti Annamaria Bove, Annamaria Riccio, Salvatore Campitiello e Mimmo Falco.
Il seminario si terrà presso l’Auditorium della Parrocchia di San Giovanni Battista a Nocera Inferiore (SA), in via Cicalesi n.86 (alle spalle della sede Inps di Nocera Inferiore).
Sarà possibile iscriversi al corso dal 10 al 24 febbraio solo ed esclusivamente tramite piattaforma Sigef

“Disostruzione delle vie respiratorie, quale informazione”: convegno a Castel San Giorgio

Sabato 28 novembre 2015 alle ore 9.30 presso la sala convegni di Villa Calvanese in Lanzara di Castel San Giorgio (SA) si terrà l’incontro di formazione sul tema “La disostruzione delle vie respiratorie, quale informazione”. Il convegno è organizzato dall’Ordine dei giornalisti della Campania in collaborazione con l’Associazione dei giornalisti Campania Valle del Sarno.
Nel programma della mattinata, dopo i saluti istituzionali del sindaco di Castel San Giorgio, Pasquale Sammartino, e quelli del consigliere nazionale dell’Ordine dei giornalisti, Salvatore Campitiello, sono previste le relazioni di:
Gabriele Ferrante, medico e giornalista pubblicista, direttore del corso;
Francesco Pipola, medico, istruttore;
Daniela Di Iasi, medico e tutor.
Presenta la giornalista Anna Cicalese.

Successo per la V edizione del Premio giornalistico “Mimmo Castellano”

Questo slideshow richiede JavaScript.

In una sala gremita e attenta si è svolta a Castel San Giorgio la V Edizione del Premio giornalistico “Mimmo Castellano”.
La manifestazione, organizzata dall’Associazione della Stampa Campania Valle del Sarno, con il patrocinio dell’Ordine dei giornalisti, del Comune di Castel San Giorgio e della Provincia di Salerno, anche quest’anno ha inteso onorare la memoria di Mimmo Castellano, già vicepresidente dell’Ordine dei giornalisti della Campania e segretario generale aggiunto della Federazione Nazionale della Stampa Italiana.
I premiati di quest’edizione:
Premio alla carriera:
Antonio Preziosi, già direttore di Rai Radio 1 e del Giornale Radio Rai, nonché direttore ad interim di Rai GR Parlamento;
Andrea Pancani, vicedirettore del Tg La7, responsabile e conduttore di “Omnibus”, autore e conduttore de “L’Aria d’estate”;
Maria Buono, conduttrice del Tg della notte di Rainews24;
Antonio Caiazza, redattore della testata giornalistica regionale Rai – Friuli-Venezia
Giulia.
Premio giovani: Michela Anna Giulia Iaccarino, freelance, ha collaborato con La Stampa in occasione della guerra in Ucraina e con il Fatto Quotidiano seguendo l’emergenza greca ad Atene.
Premio foto-cineoperatori: Mario Marra dell’emittente televisiva regionale Telenuova.
Premio Web: Amedeo Santaniello, direttore responsabile di http://www.angri.info.
Premio speciale economia: Amedeo Sacrestano, collaboratore del Gruppo Sole 24 ore. Premio speciale medicina:Giulio Tarro, virologo, scienziato di fama internazionale, collaboratore di riviste scientifiche.
Riconoscimento speciale carriera artistica:
Gigi Savoia, attore, seguace e cultore del grande Eduardo;
Leonardo Ippolito, produttore della storia artistica musicale napoletana, dall’epoca di
Piedigrotta e dei Festival di Napoli.
Riconoscimento speciale: Luigi Francesco De Leverano, Generale di corpo d’armata, comandante del secondo comando forze di difesa, per il centro sud e isole.
Riconoscimento particolare: Gianfranco Izzo, Procuratore generale della Repubblica presso il Tribunale di Nocera Inferiore per l’attenzione mostrata nei confronti della stampa.
Hanno presenziato: il presidente del Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti, Enzo Iacopino e il presidente del Movimento Unitario dei Giornalisti, Mimmo Falco. Nei loro interventi hanno parlato di etica, deontologia professionale e delle difficoltà in cui versa la professione, invitando i giornalisti a fare squadra per la risoluzione dei problemi della categoria. L’evento è stato insignito delle prestigiose medaglie conferite dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e dal presidente del Senato, Pietro Grasso.
Tante le autorità civili, militari e religiose presenti. Hanno fatto pervenire i loro saluti il Sottosegretario alla Giustizia Cosimo Maria Ferri e il Vescovo della Diocesi di Nocera-Sarno – impossibilitati a intervenire.
L’Amministrazione Comunale di Castel San Giorgio è stata presente con l’assessore Maria Immacolata Sica e con il consigliere Aniello Capuano; quella della Provincia di Salerno con l’assessore Mimmo Volpe.
La serata è stata allietata da intermezzi musicali a cura dell’artista Marzia De Nardo.

Semplicemente Joe, Nocera ricorda Giuseppe Marrazzo

“Semplicemente Joe” è il titolo dato al convegno che si è svolto lunedì sera a Nocera Inferiore per onorare la memoria del giornalista Giuseppe Marrazzo, a trenta anni dalla sua morte.
Nell’Aula Consiliare – alla presenza dei figli di Joe, Piero e Giampiero – dopo i saluti del sindaco di Nocera Inferiore, Manlio Torquato, dell’assessore alla Cultura Maria Laura Vigliar e di Salvatore Campitiello, presidente della nostra Assostampa, molti uomini di cultura e semplici cittadini hanno inteso ricordare Giuseppe Marrazzo.
Tra gli intervenuti alla manifestazione – organizzata con il patrocinio morale della nostra Assostampa – c’erano: Vito Faenza, giornalista e scrittore; Roberto Marino, caporedattore centrale de “Il Quotidiano del Sud”; Leonida Primicerio, Sostituto Procuratore Antimafia e Isaia Sales, docente di Storia delle mafie presso l’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli.
Ha moderato l’incontro l’opinionista Annamaria Barbato Ricci.
Tante le persone e i semplici cittadini dell’Agro che con la loro presenza alla manifestazione hanno inteso rendere omaggio a uno dei figli migliori di questa terra.
“Joe Marrazzo è stato un grandissimo giornalista. È l’orgoglio della categoria: ha rispettato sempre le fondamentali regole dell’informazione con un giornalismo di qualità che richiede la ricerca della verità dei fatti e il rispetto della dignità delle persone. A far grande Joe Marrazzo sono state anche le sue inchieste su mafia, camorra e ‘ndrangheta. Joe ci ha lasciato in eredità grandi valori e ci ricorda che per un giornalista è fondamentale tenere la schiena dritta ed essere cane da guardia contro gli abusi di potere e il malaffare”.
(foto di Ciro Paolillo)

Questo slideshow richiede JavaScript.

“Nuovi modi di comunicare la fede”, il convegno sabato scorso a Nocera Inferiore

Questo slideshow richiede JavaScript.

“Nuovi modi di comunicare la fede”: è questo il tema del convegno che si è tenuto sabato a Nocera Inferiore in occasione della festa di San Francesco di Sales, santo patrono dei giornalisti.
Il convegno, promosso dalla Diocesi di Nocera-Sarno e dall’Assostampa Campania Valle del Sarno, è rientrato tra gli eventi accreditati dall’Ordine dei Giornalisti della Campania per la Formazione-Aggiornamento professionale continuo.
Don Giuseppe Merola, vicedirettore della Libreria Editrice Vaticana, ha relazionato sul tema “Nuovi modi di comunicare la fede dal Concilio Vaticano II a Papa Francesco”. Al suo fianco, nell’incontro moderato dal giornalista Salvatore D’Angelo: il Vescovo della Diocesi di Nocera Inferiore-Sarno, Monsignor Giuseppe Giudice; don Andrea Annunziata, direttore responsabile di Insieme e direttore dell’Ufficio Comunicazioni Sociali della Diocesi di Nocera-Sarno; Mimmo Falco, consigliere dell’Ordine dei Giornalisti della Campania e presidente del Movimento Unitario Giornalisti; Salvatore Campitiello, consigliere nazionale dell’Ordine dei Giornalisti e presidente dell’Assostampa Campania Valle del Sarno.
L’incontro, svoltosi presso la Parrocchia di San Giovanni Battista di Nocera Inferiore, è servito a riflettere e a discutere anche dell’impegno e della vocazione del giornalista nel villaggio globale.
Al termine della manifestazione, Salvatore Campitiello ha inteso omaggiare alcuni colleghi presenti per la loro attività giornalistica.
La medaglia dell’Assostampa Campania Valle del Sarno è stata consegnata a Ciro Turco per il suo impegno culturale e filantropico.
Un particolare riconoscimento dell’Ordine dei Giornalisti è stato consegnato da Campitiello, Falco e da Claudio Ciotola (dell’esecutivo nazionale del CNOG) ai giornalisti Antonio Pecoraro e Luigi Zappella, entrambi iscritti all’Ordine da oltre 25 anni. Un particolare riconoscimento è stato consegnato, infine, anche al Vescovo Monsignor Giuseppe Giudice.
(Foto di Ciro Paolillo)
  

Foto di Mimmo CastellanoNei prossimi mesi, a cura di Elia Fiorillo e Salvatore Campitiello, uscirà una pubblicazione in ricordo di Mimmo Castellano. Il testo raccoglierà i ricordi di quanti hanno conosciuto l’indimenticabile personaggio che per tutta un’esistenza difese gli interessi dei giornalisti italiani, in particolare dei “pubblicisti”. Un omaggio ad uomo che sacrificò la sua esistenza nel sostenere il ruolo unico e delicatissimo dell’informazione in un Paese democratico. E, quindi, la necessità di avere giornalisti professionisti, nonché pubblicisti, all’altezza del difficile compito a loro riservato. Non senza difficoltà Mimmo Castellano si è sempre battuto per un’ unità non di facciata, ne’ opportunistica, tra tutti giornalisti italiani e dei loro organismi di rappresentanza: Ordine e Sindacato. Ai curatori dell’opera già sono arrivati contributi da parte dei massimi esponenti della Fsni e dell’Ordine di giornalisti, nonché di autorevoli rappresentanti delle istituzioni che hanno conosciuto ed apprezzato Castellano. È intenzione dei curatori della pubblicazione invitare chi ha conosciuto ed apprezzato Mimmo Castellano ad inviare, nel più breve tempo possibile, alla mail dell’Associazione Giornalisti Campania Valle del Sarno (assostampavallesarno@gmail.com), un ricordo di Mimmo Castellano (da 10 battute a 1800 battute spazi inclusi, se di più da concordare). Tutti i testi (se possibile accompagnati anche da foto) che arriveranno entro il 31 gennaio p.v. verranno inseriti nella pubblicazione: Mimmo Castellano, l’uomo, il giornalista, il sindacalista.

Elia Fiorillo, Salvatore Campitiello, Mimmo Falco

Per comunicazioni telefoniche:

Salvatore Campitiello 333 200 98 91

Campitiello ospite a Radio Castelluccio

Radio Castelluccio 5novembre2014

Ieri il nostro presidente, Salvatore Campitiello, è stato ospite di una delle più longeve e prestigiose radio libere della provincia di Salerno: “Radio Castelluccio” nata nel 1976 con sede in Battipaglia.
Intervistato in diretta dalla giovane collega Ertilia Giordano, il presidente Campitiello ha risposto a domande sul mondo dell’informazione, sul fascino che attrae i giovani alla professione di giornalista e le responsabilità che richiede. Ha parlato, infine, di deontologia professionale puntualizzando il rapporto che lega il giornalista al lettore. Il presidente Campitiello, in compagnia del socio Nino Ruggiero, dopo la trasmissione, si è intrattenuto con i giovani colleghi della redazione ed ha brindato per il gradito incontro.